Rispettiamo l’ambiente, anche in spiaggia.

da Essenze
285 visualizzazioni

È estate, e valgono regole di buona educazione e che rispettiamo l’ambiente,  un «eco-bon ton» che dovrebbe aver valore sempre, al di là dei mesi estivi.

Ogni volta che occupiamo uno spazio pubblico, il nostro impegno dev’esser rivolto a lasciarlo almeno nelle condizioni in cui lo abbiamo trovato.
Basilare quindi che qualunque cosa venga “consumata”, dal sandwich alla bibita, dalla sigaretta alla rivista, non sia abbandonata sulla spiaggia ma raccolta e gettata insieme a tutti i propri scarti, negli appositi cestini che solitamente si trovano all’ingresso degli stabilimenti balneari.  In questo senso si sono mosse molte regioni che nel turismo balneare hanno il loro cavallo di battaglia, con campagne informative che ammoniscono tutti gli amanti del mare ad un comportamento responsabile e civile teso a preservare la bellezza di un patrimonio inestimabile.

Un attimo di negligenza, pigrizia, o semplice dimenticanza impone all’ambiente, un sacrificio di tempo enorme.

Per le sigarette sono in commercio pratici Posaceneri Tascabili, discreti e poco ingombranti.

Non abbandonare rifiuti negli ambienti naturali e non disperdere buste di plastica, lattine, bottiglie o altri oggetti in mare o in montagna. In mare i rifiuti arrivano anche da terra, in spiaggia portiamo un sacchetto da gettare nei raccoglitori differenziati.

Evitare le spiagge già molto affollate. L’eccessiva pressione altera l’equilibrio dell’habitat costiero. Visitiamo le aree marine protette e i parchi naturali, ma nel rispetto delle regole.

La bici è il mezzo ideale per apprezzare il paesaggio e la natura, è un’occasione per scoprire nuove strade silenziose. Per i bambini è la scoperta dell’ambiente.

Rispettiamo l’ambiente

Come è noto, quasi tutti i materiali esistenti sono biodegradabili. A cambiare, anche di parecchio, è il tempo che un materiale impiega per degradarsi e i composti chimici che rilascia, al termine della sua mutazione.

Un secondo per gettarli, tantissimo per degradarsi

Bucce di Banana: 2-10 giorni

Torsolo di mela: 2 mesi

Bucce d’arancia: 5-6 mesi

Gomma da Masticare: 2 anni

Carota: 2-4 mesi

Sigaretta: 1-5 anni

Quotidiano: 2 anni

Fazzoletto di carta: 3 mesi

Contenitore di Plastica: 200 anni

Sacchetto di Plastica: 10-20 anni

Tessera Ricarica Telefonica: 1000 anni

Lattina per bibite: 1000 anni

Bottiglia di Vetro e Polisterolo: 1000 anni

Bottiglie di Plastica: mai completamente.



 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più