Pelle in estate. Affrontiamo al meglio l’estate

da Essenze
287 visualizzazioni

In questa stagione, complice la canicola estiva, ci si sveste di più e così la nostra pelle in estate è inevitabilmente più esposta a irritazioni, scottature e punture.

Allora ecco alcuni accorgimenti e rimedi per prendercene cura e proteggerla da caldo, sole e zanzare ed affrontare al meglio l’estate e viverla serenamente!

SOS DERMATITE DA SUDORE

Quando l’afa estiva inizia a farsi sentire, la sudorazione è quel meccanismo fisiologico che ci permette il mantenimento della temperatura corporea. In coloro che hanno la pelle più sensibile può verificarsi una forma di dermatite da sudore, che nei bambini viene comunemente chiamata sudamina.

Fare dei bagni rinfrescanti è il rimedio più adatto in questi casi, non con detergenti aggressivi, ma magari utilizzando una soluzione preparata in casa con amido di riso. Successivamente si può applicare un prodotto leggero, perfetto il talco in crema.

Se l’irritazione assume la connotazione di una infezione fungina (pelle arrossata, screpolata, cattivi odori) si può utilizzare anche una polvere medicata, previo consiglio del medico curante o del vostro farmacista.

Facciamo sempre attenzione a ciò che indossiamo, a cosa mettiamo in contatto con la pelle in estate: indumenti di cotone leggero e il più traspiranti devono essere la prima scelta in questi casi.

PELLE IN ESTATE AL SOLE, SENZA PAURA

La preparazione all’esposizione solare inizia con la scelta della crema più adatta ed è un gesto da non sottovalutare.

Una pelle chiara e delicata necessita, specialmente per le prime esposizioni, di un fattore di protezione alto, non inferiore a 50+, da riapplicare frequentemente in caso di esposizioni prolungate e dopo ogni bagno.

Una pelle più scura o olivastra potrà iniziare a esporsi con un fattore di protezione medio (SPF 30). Una volta ottenuta una prima abbronzatura non si deve però accantonare la crema: continuiamo a utilizzarla con costanza, magari con un SPF progressivamente inferiore, come 30 e 15.

Un rischio che si corre con le esposizioni ripetute, oltre a quello delle scottature, è che insorga anche l’eritema solare. Questo si presenta solitamente con la formazione di tante bollicine rosse e forte prurito.

Possiamo trarre sollievo dagli impacchi con acqua e amido, ma anche vaporizzando uno spray a base di acqua termale, ottimo per la sua azione rinfrescante e lenitiva, interrompendo ovviamente le esposizioni.

STOP ALLE MACCHIE!

Nel caso in cui ci sia una predisposizione alla formazione di macchie solari è meglio rimandare i trattamenti schiarenti alla stagione autunnale. Per prevenirne la formazione ed evitare ulteriore pigmentazione, applichiamo quotidianamente una crema con SPF 50+, sia sul viso che sul dorso delle mani.

MEDUSE E ZANZARE: PUNTURE DOLENTI DELL’ESTATE

Per vivere serenamente anche i bagni al mare, completiamo il nostro kit da spiaggia con un prodotto per eventuali punture di medusa. Nell’eventualità in cui venissimo punti dobbiamo per prima cosa lavare bene la parte interessata con l’acqua del mare.

Si può applicare una pomata a base di cloruro di alluminio o si passa una penna all’ammoniaca, reperibili in farmacia, per calmare la sensazione di bruciore.

Non dimentichiamoci delle punture d’insetto: l’estate è anche la stagione delle zanzare. Se si desidera di un’efficace azione preventiva, senza esagerare con i prodotti chimici, gli oli essenziali sono la soluzione che fa al caso nostro.

Quelli più funzionali per esplicare l’azione insetto- repellente sono: eucalipto citrato, lavandino, tea tree, niaouli e menta piperita. Si possono trovare in commercio prodotti pronti, anche come post-puntura, o possiamo divertirci miscelandoli nel diffusore di essenze.

Se ci troviamo in zone a rischio (paesi tropicali, zone paludose, boschive) è meglio procurarsi qualcosa di più forte, ad esempio uno spray a base di DEET, solo per adulti.

Come dopo puntura è meglio premunirsi di una pomata più specifica, con una piccola percentuale di idrocortisone, o di antistaminico, per calmare gonfiore e prurito.


Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più