Inalatore per l’influenza fatto in casa

da Essenze
337 visualizzazioni

Il pensiero di fare il proprio inalatore può suonare strano, ma con il tempo s’impara che sono potenti strumenti che confezionano enormi benefici in qualcosa di più grande di un tubetto di rossetto. Gli inalatori non sono quelli che si usano per via orale, che è quello che probabilmente viene in mente quando si sente la parola “inalatore”, ma và semplicemente tenuto vicino al naso. Essi utilizzano l’incredibile potenza degli oli essenziali che ti aiutano nel recupero, e in questa ricetta, la miscela di oli essenziali è specificamente formulata per affrontando i sintomi acuti di raffreddore e influenza.

Molti germi partono con i loro attacchi, per infettarci, attraverso le nostre vie respiratorie. Quando li si respira, vanno in fretta a diffondere la malattia e rendere la nostra vita miserabile. Nel caso di raffreddore o influenza, sarete in pessimo stato, congestionati, con tosse, doloranti, esausti, e svogliati. La bellezza di oli essenziali è che ci sono benefici nell’aroma, il che significa che quando li si respira, si mettono a lavorare per spazzare via i cattivi, facilitando la vostroa condizione. Questo inalatore contiene 5 oli essenziali che in modo rapido ed efficace aiutano ad alleviare i sintomi influenzali. La miscela di seguito la preferisco ed ho trovato che lavora al meglio per me, ma sentitevi liberi di modificarlo con le vostre preferenze.

  1. Eucalipto: Eucalyptus fa un lavoro incredibile in realtà, aprendo i seni e sgombrando qualsiasi congestione. Si tratta di un salvagente con qualsiasi cosa “soffocante”. Lo potete trovare QUI
  2. Peccio nero: Il meraviglioso profumo di abete rosso(Peccio Mariano)  utile ad aprire i seni, ed è uno dei migliori oli essenziali antispasmodiche (il che significa che farà davvero calmare la tosse.) Se non lo trovate nel vostro negozio di fiducia io lo trovo QUI
  3. Tea Tree: il master antimicrobica degli oli essenziali. Quando inspirate l’olio dell’albero del tè si inalano le particelle, dalle proprietà antibatteriche, sospese nell’aria che aiuteranno attivamente a spazzare via i germi che ci rendendo malati. Disponibile QUI
  4. Lavanda (aggiungere di notte): utilizzare la lavanda,  sedativa e calmante sul sistema nervoso, se si desidera utilizzare questo inalatore per aiutare a dormire. La lavanda svolge anche un’azione balsamica sulle vie respiratorie, impiegata efficacemente nel trattamento di tutte le malattie da raffreddamento: influenza, tosse, raffreddore e catarro. Disponibile QUI
  5. Lime: Lime olio essenziale aiuta a stimolare il sistema immunitario aumentando la produzione di globuli bianchi. Potete trovarlo QUI

Sostituti: aghi di pino o di abete per il Peccio nero, mandarino o limone per il Lime. È possibile utilizzare questi sostituti se vi capita non avere uno degli altri e avere questi a portata di mano.


Inalatore fatto in casa

Per  gli adulti avremo bisogno …

  • 1 vuoto inalatore o bottiglietta con tappo tipo quella degli olii essenziali
  • 5-7 gocce di eucalipto
  • 4 gocce di Peccio nero
  • 5 gocce di Tea Tree
  • 2 gocce di lavanda
  • 1 goccia di Lime

Per i bambini (oltre 5 anni di età) Avrete bisogno di …

  • 1 goccia di eucalipto
  • 2 gocce di Peccio nero
  • 4 gocce di tea tree
  • 2 gocce di lavanda
  • 1 goccia di limone o lime

Ci sono 2 modi per preparare l’inalatore. Il primo è quello di pre-miscelare i vostri oli in una piccola, stretta, bottiglia di vetro, quindi inserire il cotone e permettergli di assorbire gli oli. Il problema di questo metodo è che si lascia volare un pò delle particelle volatili dell’olio.

L’altro metodo è quello di versare gli oli direttamente sul cotone dopo che lo si inserisce all’interno del inalatore. Escono rapidamente le gocce dal dosatore, fate attenzione, una goccia o due non è un grosso problema! Dopo chiudere velocemente l’inalatore e ripulire eventuali fuoriuscite ai lati.

Per l’utilizzo, tenere l’inalatore all’ingresso di una narice, chiudere l’altra con il dito. Prendere 1 respiro profondo e rimuovere l’inalatore prima di espirare. Ripetere con l’altra narice. Utilizzare ogni 4 ore se necessario per congestione nasale acuta e sintomi del raffreddore. Se si usa l’inalatore una volta al giorno durarà da 3-6 mesi. Il periodo di conservazione è fino a 1 anno, ma se lasciato fuori al calore, senza cappuccio, o alla luce diretta, è possibile notare un’abbassamento dell’aroma.

Per ottenere gli  inalatori vuote io li ordino QUI cosi non mi mancano mai

La versatilità di inalatori è davvero incredibile. Può sembrare un po ‘strano a qualcuno che non sa che cosa si sta utilizzando, è per questo che tendo a etichettare il mio con etichette fantasiose.

Per essere sempre aggiornati sulla pubblicazione degli articoli cliccate “Mi Piace” sulla pagina Facebook

 

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più